SEO

Meta Tagging parte 2: come scrivere i meta tag in modo SEO Friendly

SEO#3

Benvenuti alla terza puntata della ormai consueta rubrica SEO 4 Biz di Tech Economy, che spiega in modo “user-friendly” tutto ciò che serve a rendere un sito “-friendly”.

È essenziale, per chi ha responsabilità aziendali, capire se un processo è stato implementato nel migliore dei modi, e di certo l’ottimizzazione sui motori di ricerca di un sito web non fa eccezione. In questa rubrica forniremo, volta per volta, quelle indicazioni necessarie a capire se il proprio sito è “pronto” per essere indicizzato al meglio, ed in caso contrario i suggerimenti per farlo.

La scorsa settimana abbiamo cominciato a prendere in esame il sistema di meta tagging, indicando quali sono i parametri e in che modo verificare la loro corretta scrittura. Nella puntata di oggi si andrà più in profondità esaminando i meta tag uno ad uno (title, description e keyword), specificandone i pro e i contro e le modalità di utilizzo e di compilazione.

Cominciamo dal title…

Il tag TITLE comunica agli spider del motore di ricerca il titolo di un sito/pagina web e dovrebbe contenere al suo interno il “concept principale” della pagina. Per intenderci è quella frase che viene visualizzata all’interno delle schede del browser che stiamo utilizzando. Già da un’analisi del title si può capire se una pagina è ottimizzata o meno.

Come? Vediamo insieme quali sono i parametri da controllare:

  • La lunghezza del titolo non dovrebbe superare i 65-70 caratteri in quanto titoli più lunghi non verranno visualizzati nei risultati dei motori di ricerca (le cosiddette SERP: Search Engine Results Page).
    Se ipotizzassimo di dover comporre il TITLE per la homepage di una concessionaria di auto nuove e usate, questo  potrebbe essere:
    Vendita di Auto nuove e Usate in Tutta Italia | Concessionaria Pinco
    Il titolo verrebbe visualizzato correttamente in una ipotetica ricerca con la parola chiave “vendita auto”, ma se invece fosse:
    Vendita di Auto nuove e Usate di tutte le marche anche con finanziamenti in Tutta Italia | Concessionaria Pinco
    nella SERP verrebbe visualizzato questo:
    Vendita di Auto nuove e Usate di tutte le marche anche con finanziamenti in Tutta…
    lasciando tronca la frase.
  • Per quanto riguarda il contenuto, all’interno del title andrebbero inserite le keyword più importanti, quelle che caratterizzano il sito o l’attività che si vuole promuovere. Quindi un titolo come quello in basso non è ottimizzato perché non indica l’attività del sito:
    Concessionaria Pinco Pallo | Home
    Sarebbe molto meglio utilizzare:
    Vendita di Auto nuove e Usate in Tutta Italia | Concessionaria Pinco
    Non bisogna abusare delle keyword nel title. La costruzione dello stile deve essere comunque coerente cercando di dare un senso logico a ciò che si scrive e non:
    Vendita Auto nuove Auto Usate tutte le marche BMW AUDI MERCEDES finanziamenti Tutta Italia | Concessionaria Pinco
    …che non è proprio uno spettacolo gratificante.
  • Un ulteriore riflessione va fatta per la posizione delle keyword nel titolo. Riguardo questa tematica vi sono varie correnti di pensiero: c’è chi suggerisce di mettere il brand come prima parola nel title e chi dice di posizionare le keyword più importanti. In questo caso dipende da quali sono gli obiettivi di comunicazione ed aziendali e a cosa si vuole dare più risalto.

Ricordiamo inoltre che i titoli devono essere univoci per ogni pagina del sito, per evitare di creare duplicazioni che danneggerebbero l’ottimizzazione di un sito web.

Il Tag Description

Dopo aver preso in esame il title continuiamo con la descrizione di una pagina web.

Il tag DESCRIPTION, come ci suggerisce il termine, fornisce allo spider e all’utente una piccola descrizione del contenuto della pagina. Normalmente viene visualizzato subito sotto il titolo di un sito nelle SERP.

Utilizzando lo stesso schema concettuale per esaminare il tag title possiamo indicare che:

  • La lunghezza della description non deve superare i 150-160 caratteri per evitare che i motori di ricerca tronchino il testo visualizzato nelle pagine dei risultati(SERP).
  • Il contenuto deve essere assolutamente descrittivo: utilizzando abilità di copywriting ed inserendo le keyword più importanti per la strategia di comunicazione o aziendale, deve invogliare e colpire l’utente, specificando in modo chiaro e pulito di cosa tratta la specifica pagina web.
    Una ipotetica descrizione della home page del sito analizzato precedentemente potrebbe essere:
    La Concessionaria Pinco leader nella Vendita di Auto nuove e Usate con sedi in tutta Italia, offre una vasta gamma di autovettore per tutti i gusti e tutte le tasche
  • Bisogna evitare, come nel title, description duplicate, scrivendo descrizioni univoche e coerenti per ogni pagina del siti

I tag Title e Description sono degli strumenti fondamentali per il posizionamento di un sito web e, come spiegato nella scorsa puntata, sono la prima cartina di tornasole per capire se le strategie SEO sono state attuate o meno.

Il tag Keyword

Il tag KEYWORD definisce le specifiche parole chiave per un sito o per una particolare pagina. In esso devono essere inserite le parole chiave caratterizzanti e che compaiono maggiormente all’interno del testo e nei meta tag precedenti.

Quest’ultimo meta tag, dato l’abuso che se n’è fatto negli anni, non viene più considerato dalla maggior parte dei motori di ricerca come fattore di posizionamento di un sito web, ma è comunque utile capire come comporre questo parametro.
Riprendendo i concetti per i tag title e description:

  • la lunghezza deve essere ristretta ad un massimo di 4-5 parole chiave separate dalla virgola.
  • Le keyword, devono essere coerenti con il contenuto della pagina di riferimento.
  • Le parole chiave devono essere univoche per ogni pagina del sito.

           Sempre utilizzando il caso della concessionaria possiamo ipotizzare le keyword:
    Concessionaria Pinco, vendita auto nuove, auto usate

Grazie a questo piccolo tutorial si può stabilire con certezza se questi parametri siano stati composti in maniera corretta e SEO friendly, o se bisogna suonare un primo campanello d’allarme nel caso di un uso scorretto di tali meta tag e rivedere le strategie di ottimizzazione sui motori di ricerca.

Alla prossima settimana per una nuova puntata della rubrica SEO 4 Biz!

Daniele De Marinis

Daniele De Marinis

Nativo digitale, studioso e frequentatore di social network. Esperto di SEO e SEM. Appassionato di Marketing (meglio se Web) e comunicazione (meglio se online)

Facebook Twitter LinkedIn 

2 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

2 Comments

  1. Pingback: Web Analytics parte 4 – Guida ai Webmasters Tool di Google | Tech Economy

  2. Alex

    29/08/2012 alle 09:11

    Ciao carissimi e complimenti per l’articolo,

    da ignorante in materia vorrei chiedervi se possibile delle delucidazioni

    allora, un buon Title è “Vendita di Auto nuove e Usate in Tutta Italia | Concessionaria Pinco”

    Un buon Buon Tag description è “La Concessionaria Pinco leader nella Vendita di Auto nuove e Usate con sedi in tutta Italia, offre una vasta gamma di autovettore per tutti i gusti e tutte le tasche”

    Ma avete anche sottolineato

    “Ricordiamo inoltre che i titoli devono essere univoci per ogni pagina del sito, per evitare di creare duplicazioni che danneggerebbero l’ottimizzazione di un sito web”.
    e
    “Bisogna evitare, come nel title, description duplicate, scrivendo descrizioni univoche e coerenti per ogni pagina del siti”

    Allora veniamo a un esempio, cosi per capirci meglio

    usiamo la stessa concessionaria

    pinco.it/auto-nuove/audi.it
    pinco.it/auto-nuove/alfa.it
    pinco.it/auto-usate/audi.it
    pinco.it/auto-usate/alfa.it

    allora in questi casi dovrei mettere dei title e description abbastanza simili, cambia solo il brand oppure il brand e la tipologia di auto (nuova o usata).
    In questi casi sono visti come duplicate? Come migliorare situazioni del genere?

    Grazie

    Ale

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This