Focus

Perchè Android sta perdendo la guerra degli smartphone

android
Johannesburg – da Hilton Tarrant, editorialista di MoneyWeb, riceviamo e volentieri pubblichiamo questo punto di vista su .

I consumatori iniziano a rendersi conto che l’acquisto di uno smartphone Android vuol dire rimanere bloccati in un sistema operativo che, non aggiornandosi, diventa presto obsoleto.

E’ la frammentazione che sta uccidendo il sistema operativo di Google, proprio nel momento in cui si appresta a superare Android per la prima volta in termini di vendite. Le vendite di e Android sono ormai testa a testa negli Stati Uniti. Secondo uno studio di NPD Group i telefoni con sistema operativo rappresenterebbero il 43% degli smartphone venduti negli Stati Uniti nei mesi si ottobre e novembre. La share di Android? Il 47%. E’ il distacco più piccolo mai raggiunto da verso Google.

Ma Android è vincente.

Si, le vendite di Apple potrebbero essere state più alte in questi mesi a causa del lancio dell’iPhone 4S e anche alla conseguente riduzione dei prezzi dei precedenti modelli, l’iPhone 4 e il 3GS. neffetti è la somma di questi modelli che hanno consentito il record di vendite di Apple in questi due mesi. Vendite che sono maggiori di quelle del Galaxy S II e del Galaxy S, i due telefoni che hanno contiribuito in modo così determinante alle vendite della Samsung nell’ultimo trimestre.

Ma Android è vincente.

Le vendite di HTC e Motorola stanno rallentando. Infatti HTC (il secondo produttore al mondo di apparecchi Android) ha annunciato per l’ultimo trimestre 2011 il suo primo calo di profitti degli ultimi due anni. Non sappiamo ancora quanto male saranno andate le vendite di Motorola, ma è già abbastanza grave che l’azienda abbia sentito il bisogno di mettere in guardia gli analisti prima della comunicazione ufficiale prevista per fine gennaio. Tra i produttori che utilizzano Android solo Samsung ha comunicato profitti record per l’ultimo trimestre dell’anno.

L’acquisto di Motorola da parte di Google deve ancora essere concluso e al momento nessuno, nemmeno i membri dell’antitrust, sa se l’accordo sia destinato a perfezionarsi. Comunque, se questo accordo andrà in porto, la cosa sarà negativa per tutti gli altri produttori di apparecchi che hanno scommesso su Android. Se l’accordo non si chiude è un male per Android nel suo complesso perché Google perderebbe l’opportunità di poter costruire apparecchi che integrino hardware e sotware.

E che dire della frammentazione? Due mesi dopo il suo lancio l’ultima versione di Android (Cream Sandwich 4.0/Ice) non raggiunge nemmeno l’1% degli utenti. In realtà stando alle statistiche ufficiali di Android, la percentuale esatta sarebbe dello 0,6%!

Più della metà degli utenti Android sono attivi su Gingerbread (versione 2.3) che è stata rilasciata nel dicembre del 2010. E nessuno di questi utenti (nonostante quello che dice Google) ha una speranza di aggiornamento a Ice Cream Sandwich. Un terzo degli utenti (30,4%) sono ancora bloccati su Froyo, un sistema operativo che ha 18 mesi di età! E il 10%, qualcosa come 12 milioni di dispositivi, starebbero ancora usando Donut e Eclair.

I consumatori iniziano a capire che l’acquisto di uno smartphone Android li blocca in un sistema operativo che invecchia e per il quale non possono effettuare alcun upgrade. Almeno che Google corregga questo pasticcio e in fretta.

Ma Android è vincente.

Articolo originariamente pubblicato su Moneyweb

4 commenti

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

4 Comments

  1. Pingback: Apple: leder del mercato PC / tablet | Tech Economy

  2. Pingback: Android 4: cresce, ma fatica ad imporsi | Tech Economy

  3. Riccardo Bartoli

    05/03/2012 alle 19:01

    Il miglior modo per Google per rimediare a questo pasticcio e’ togliere alle case produttrici la possibilità di effettuare personalizzazioni sul sistema Android (che tra l’altro lo rendono piu’ instabile e più lento).

    Nessuno acquista Samsung o HTC grazie alle loro personalizzazioni, e a nessuno dovrebbe importare. Le personalizzazioni si fanno installando software dal market, e gli utenti devono avere la possibilità di installare quello che desiderano, pero’ partendo da una versione cosiddetta Vanilla.

    Questo e’ il segreto di Apple (sia computer sia smartphone): pochi modelli hardware, un solo software stabile ed altamente ottimizzato.

    Android non solo ha migliaia di modelli hardware, non solo troppe versioni di Android in giro, ma anche tutta una serie di versioni personalizzate dalle case produttrici.

  4. Daniel

    26/11/2012 alle 16:36

    A distanza di mesi questo articolo pare ridicolo, con Android che oramai ha raggiunto il 74% del mercato mondiale. Alla fine della fiera, Android sta diventando uno standard che riesce a soddisfare tutte le fasce di mercato

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This