#EpicFail

#EpicFail: Trenitalia e gli immigrati in quarta classe

Trenitalia e gli immigrati in quarta classe #EpicFail.techeconomy

La prima versione dello spot della discordia

Dicembre 2011 – lancia la nuova campagna per il lancio delle quattro nuove tariffe di Frecciarossa, che andranno a sostituire la vecchia distinzione tra prima e seconda classe. La campagna è pensata espressamente per il Web, con tanto di video e una brochure online che illustra le caratteristiche della nuova offerta. Ed è proprio sul sito di Trenitalia che scoppia la bomba: ad ognuno dei quattro nuovi livelli di viaggio, Executive, Business, Premium e Standard viene associata un’immagine che rappresenta – o dovrebbe rappresentare – il target di riferimento dell’offerta. Se nei tre livelli più alti sono rappresentati giovani e professionisti, per la tariffa Standard – la più bassa, una sorta di quarta classe – è stata scelta una famiglia di colore.

La seconda versione dello spot della discordia

Sul Web si diffondono immediatamente accuse di razzismo nei confronti di Trenitalia: il primo a parlarne sul suo blog è il giornalista de L’Espresso Alessandro Gilioli, con un post datato 27 dicembre. L’ufficio stampa di Trenitalia risponde a Gilioli il 30 dicembre, mentre la prima risposta “ufficiale” viene diramata soltanto il 4 gennaio, mentre ormai infuria la polemica e l’azienda viene esplicitamente accusata di trasmettere l’idea di un “nuovo apartheid”. Nonostante le parole di Trenitalia – “Nel video promozionale del livello Executive c’è anche un manager di colore” – la foto degli immigrati in quarta classe viene sostituita da due sedili vuoti.

Subito dopo le polemiche arriva anche il momento della satira: il giorno successivo alla risposta di Trenitalia Natalino Balasso, comico noto al grande pubblico per la partecipazione a Zelig, appare in un video che sbeffeggia la nuova offerta di Frecciarossa: “Se sei un poveraccio abbiamo pensato per te alla classe Standard, dove i sedili son stretti ma si può toccarsi”. A tutto questo Trenitalia risponde, ma quasi dieci giorni più tardi: il 13 gennaio l’azienda fa marcia indietro e annuncia l’apertura del bar a tutti i viaggiatori del Frecciarossa, motivando il provvedimento come “una scelta commerciale dopo aver raccolto i commenti e i suggerimenti dei viaggiatori, anche attraverso il web”.

Lesson learned: Non mandare mai il proprio ufficio stampa in vacanza: il Web è sempre online.

Valentina Spotti

Valentina Spotti

Nasce nel 1984 e vede per la prima volta una pagina web sul finire degli anni Novanta: ci rimane male perché si immaginava chissà cosa. Poi vennero i blog, YouTube e i social network, e nel 2009 una tesi sulla costruzione della reputazione in Rete la porta alla laurea in Scienze della Comunicazione. Per un certo periodo si è occupata di Media Education in quel di Bruxelles, poi è tornata a Milano ed è diventata web editor.

1 Commento

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

1 Commento

  1. Pingback: #meetFS: cara Trenitalia, parla con me | Tech Economy

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This