ICT & Telco

Google punisce Chrome nel PageRank

google-chrome

si punisce da sola dopo la scoperta di pratiche illegali di promozione del suo browser Chrome. “Stiamo provvedendo manualmente a degradare www.google.com/chrome, abbassando il PageRank del sito per un periodo di almeno 60 giorni”, è la dichiarazione ufficiale del motore di ricerca.
La decisione, che potrebbe sembrare assurda, si è rivelata inevitabile dopo la scoperta che alcuni blogger venivano pagati per usare tecniche di spam , pur di promuovere il sito web di Chrome e potenziarne la posizione nel ranking del motore di ricerca. Una pratica decisamente in contrasto con le regole di Google, che quindi si è vista costretta ad agire contro se stessa nell’algoritmo di ranking.
In realtà, la responsabilità sulla violazione sembrerebbe a carico di una società esterna, la Unruly Media, che Google stessa ha incaricato di promuovere Chrome. Tuttavia, il colosso di Montain View ha deciso di portare avanti un’azione decisa come avrebbe fatto contro qualsiasi altro sito. Già oggi, il sito del browser non compare nella prima pagina di ricerca su Google per Chrome.

Antonella Tozzi

Clicca per commentare

Commenti e reazioni su:

Loading Facebook Comments ...

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Trackbacks.

TechEconomy è il portale di informazione dedicato a manager, imprenditori e professionisti che vogliono approfondire e comprendere l’impatto delle tecnologie nello sviluppo del business nelle PMI come nell’industria, nella finanza, nei servizi.
Si rivolge insomma a tutti coloro che vogliono capire come le nuove realtà dell'Information Technology - Web 2.0, e-Business, net economy - stiano cambiando l’economia, e con essa la società.
Inizio
Shares
Share This